Modifica del codice doganale ucraino sulla protezione dei diritti di proprietà intellettuale nel trasporto di merci attraverso le frontiere doganali

28.10.2019 - Servizio stampa del servizio fiscale statale dell'Ucraina

Il 17 ottobre 2019, Verkhovna Rada dell'Ucraina ha adottato nel suo insieme il progetto di legge dell'Ucraina "sugli emendamenti al codice doganale dell'Ucraina in materia di protezione dei diritti di proprietà intellettuale sul trasporto di merci attraverso il confine doganale dell'Ucraina" (registrazione n. 1230).

In particolare, gli emendamenti riguardano la definizione dei termini "merci contraffatte", "merci piratate", "prodotti sospettati di violare i diritti di proprietà intellettuale".

Inoltre, vengono elencate una serie di misure in materia di protezione dei diritti di proprietà intellettuale che la dogana applicherà alle merci sospettate di violare i diritti di proprietà intellettuale.

Da adesso, tali misure saranno applicate in caso di sospetta violazione dei diritti di proprietà intellettuale in relazione a beni che sono:

- trasportati dai cittadini nel territorio doganale dell'Ucraina o all'estero;

- importati nel territorio doganale dell'Ucraina (anche a fini di transito) o esportato al di fuori del territorio doganale dell'Ucraina;

- inseriti nei regimi doganali di importazione, reimportazione, esportazione, riesportazione, importazione temporanea, esportazione temporanea, deposito doganale, zona doganale libera, trasformazione nel territorio doganale, trasformazione al di fuori del territorio doganale.

Inoltre, l'articolo 397, parte 3, del codice stabilisce che le misure di protezione dei diritti di proprietà intellettuale non saranno applicate a:

- beni originali che erano con il consenso del titolare del diritto;

- oggetti personali;

- merci importate dai cittadini nel territorio doganale dell'Ucraina nel bagaglio a mano e / o nel bagaglio di accompagnamento per uso proprio e non destinato ad attività industriali o di altra natura, il cui valore totale fatturato e/o peso non superi i limiti determinati dall'articolo 374 della parte 1 del presente codice.

Parte 6 L'articolo 397 del Codice stabilisce norme separate che regolano il rimborso delle spese di magazzinaggio; Parte 5 L'articolo 401 del Codice prevede norme separate relative alla distruzione di merci sospettate di violare i diritti di proprietà intellettuale.

Di seguito, in caso di sospensione dello sdoganamento delle merci, i costi associati allo stoccaggio di tali merci sono a carico del titolare del diritto. L'immagazzinamento di tali merci nel deposito doganale deve essere pagato, a partire dal giorno di calendario successivo al giorno in cui è stato depositato in tale deposito. Con la presente, tali merci devono essere collocate nel deposito doganale dopo la decisione di sospensione dello sdoganamento.

 

Su richiesta della dogana, il titolare del diritto può ottenere informazioni sull'ammontare dei costi previsti associati allo stoccaggio di tali merci presso il deposito doganale, nonché richiedere un risarcimento da parte del proprietario della merce che è diventato soggetto alla violazione dei suoi diritti di proprietà intellettuale o altre persone secondo la legislazione ucraina.

Per la prima volta è prevista la possibilità di rilascio anticipato di merci il cui sdoganamento è stato sospeso per sospetto di violazione dei diritti di proprietà intellettuale (articolo 4001).

La decisione in merito a tale liberazione può essere presa dal funzionario doganale se:

- sospensione dello sdoganamento delle merci contenenti disegni, invenzioni, varietà vegetali o assemblaggio di prodotti a semiconduttore;

- le dogane non dispongono di informazioni sulle decisioni degli organi statali di vietare determinate azioni su tali beni o di adottare altre misure per impedirne l'uso;

- il dichiarante o il proprietario della merce ha fornito alla dogana la conferma documentale dell'accordo tra il titolare del diritto e il proprietario della merce in merito al loro rilascio anticipato;

- sono state espletate le formalità doganali necessarie per la produzione di tali merci.

L'articolo 401 del codice prescrive approcci modificati alla distruzione delle merci il cui sdoganamento è stato sospeso in un ordine preliminare. Ora, nel caso in cui il proprietario della merce si rifiuti di collocare tali merci nel regime doganale di distruzione o demolizione dopo che la dogana ha dato il proprio consenso alla distruzione o senza obiezione alla sua distruzione, il titolare del diritto è considerato autorizzato dal proprietario delle merci per collocare tali merci nel regime doganale di distruzione o demolizione. L'articolo 4011 del codice prescrive le caratteristiche definite separatamente della sospensione dello sdoganamento e della distruzione di piccole spedizioni di merci trasportate (spedite) attraverso la frontiera doganale dell'Ucraina in spedizioni postali internazionali ed espresse.

L'adozione di questa legge costituisce un passo in avanti verso il ravvicinamento della legislazione doganale dell'Ucraina agli standard e alle pratiche mondiali avanzate dell'UE promuoverà la concentrazione dell'attenzione doganale nella lotta al trasporto di merci contraffatte e di altre merci che violano i diritti di proprietà intellettuale e creano condizioni favorevoli per il commercio legale acro

http://sfs.gov.ua/en/mass-media/news/391727.html