L’Ucraina migliora l’accesso ai farmaci di prescrizione

Il programma introdotto dall’organizzazione mondiale della sanità sta incominciando a dare i propri frutti. Dal 2017 l’OMS ha supportato un programma che migliorasse l’accesso alle medicine di prescrizione. Prima dell’implementazione del programma non vi era nessuno schema per supportare pazienti nel settore ambulatoriale. Inoltre la maggior parte delle famiglie notava l’acquisto di farmaci come una delle più grandi fonti di instabilità economica.

Le nazioni della regione Europea dell’OMS si sono tutte impegnate a migliorare l’accesso ai farmaci come parte del punto tre degli obbiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. Il caso dell’Ucraina dimostra come i paesi possano mobilizzare risorse a favore della sanità ed arrivare all’obbiettivo di una nazione più sana.

Combinando metodi sia quantitativi che qualitativi il report dell’OMS non solo dimostra che vi sia un più ampio accesso ai servizi farmaceutici ma anche i seguenti successi. Il programma è molto spesso l’unica possibilità di cura di molti partecipanti ed il consumo di medicine, incluse nel programma, è aumentato considerevolmente. Inoltre i medici hanno la tendenza di prescrivere di più le medicine che fanno parte del programma ed hanno notato un netto miglioramento nella salute generale dei pazienti. L’OMS ha proposto una serie di politiche implementabili tra cui la formalizzazione di una lista di malattie di emergenza che possono essere trattate con priorità.

Questo sì dimostra che il mercato farmaceutico è in crescita e l’Ucraina ma che vi è anche una sfida interessante per il settore non pubblico della sanità. Infatti, la sezione privata dell’industria farmaceutica dovrà essere competitiva e puntare sulla qualità dei servizi. Nonostante ciò è una buona notizia per il paese che ha fatto grandi passi avanti verso una popolazione più sana accudendo le fasce deboli della nazione.