Aumentato del 18% il transito di gas dall'Ucraina all'UE nel 2016

 |

Dall'inizio del 2016 il sistema di trasporto e distribuzione ucraino di gas ha rifornito i consumatori europei per un totale di 57 miliardi di metri cubi di gas naturale proveniente dalla Russia. Questo dato è superiore del 18% circa rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Lo ha comunicato l'agenzia stampa della società energetica PJSC Ukrtransgaz, uno dei più importanti operatori del settore.

Il sistema di trasporto di gas ucraino è ramificato e collegato a quelli dei Paesi vicini quali Russia, Polonia, Slovacchia, Bielorussia, Ungheria, Romania e Moldavia per servire l'ampio ed esigente mercato energetico europeo. La richiesta di quest'ultimo è cresciuta nell'ultimo anno di ben 8,7 miliardi di metri cubi: in particolare, il mese di settembre ha toccato quota 6,8 m3 registrando un aumento netto di 0,8 miliardi di metri cubi a confronto con il 2015.

Secondo i recenti rapporti del Dipartimento Centrale della Ukrtransgaz il volume di transito giornaliero medio di gas naturale nei Paesi dell'UE è stato di 230 milioni di metri cubi, un valore maggiore se confrontato con la media del 2015, che era di poco superiore ai 200 milioni di m3. La stessa compagnia, inoltre, ha recentemente confermato l'allocazione delle risorse necessarie per la completa ricostruzione entro il 2019 di almeno nove stazioni di compressione del gas al fine di ridurre gli sprechi e implementare gli ultimi ritrovati tecnologici nel campo energetico.